Responsabilità sociale e mondo commerciale: nasce animaimpresa

Il mondo dell’impresa e del mercato in generale è noto per la spregiudicatezza con cui spesso, durante il suo sviluppo, si pone di fronte a clienti e consumatori. Ciò accade nelle grandi imprese come nelle piccole; le prime poiché cercano di mantenere monopoli o espansioni commerciali sempre maggiori, le seconde perché giustificate dal desiderio di ingrandirsi e di non crollare sotto concorrenze spietate o diminuzione di domanda e fatturato. Tutto questo nasce da un umano desiderio di espansione, dall’attrazione del potere della ricchezza che spesso trascura il lato sociale che ogni impresa acquista nel momento della sua nascita. Infatti, qualsiasi aggregazione sociale a scopo commerciale è di fatto una rete di relazioni che si sviluppano sul terreno dell’economia, che a volte può essere fertile, altre volte più arido. Per tale ragione queste aggregazioni vengono chiamate dal nostro ordinamento “società”. E, come in tutte le società, anche quelle puramente commerciali necessitano di quei principi etici che caratterizzano la nostra civiltà occidentale soprattutto per quanto riguarda il rapporto con gli altri uomini, consumatori o dipendenti che essi siano.

Proprio in quest’ottica sono nati i gruppi di lavoro che andranno a costituire l’Associazione di promozione sociale “animaimpresa”, destinata a trasferire cultura del sociale in forma strategica e a creare i presupposti per la certificazione delle aziende sotto il profilo etico/morale del loro operare.

animaimpresa è l’ennesimo progetto ideato dal Coworking di Udine; dopo mesi di preparazione e abbozzamenti l’iniziativa è stata portata nella sala riunioni del gruppo sotto l’illustre supervisione di Renzo Andreello, esperto di consulenza aziendale e membro dell’ U.C.I.D. (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti).

“Una società senza anima è destinata alla crisi” sono le parole che, in quella situazione, sono suonate quasi magiche, forse proprio perché nate direttamente dalla grande esperienza di Andreello, che si è inoltre esposto in maniera positiva sul progetto, andando a chiarire dubbi e incomprensioni sorte durante la preparazione. Un affermazione che coglie il cuore di quella che sarà la futura animaimpresa, un organo, quindi, finalizzato a risvegliare l’anima morale delle imprese e il loro lato socialmente utile, in modo da risvegliare i valori guida di ogni società commerciale, contribuendo a creare un’economia socialmente sostenibile. C’è da prospettarsi che, in futuro, saranno proprio le imprese sociali e quelle socialmente responsabili a colmare, con la loro etica, le lacune che periodicamente fanno vacillare il mercato capitalistico. Quindi non c’è che da augurarsi che animaimpresa vada a buon fine, cominciando ad agire fin da subito sull’anima dell’economia del territorio.

Edoardo Quaglia

2 risposte a Responsabilità sociale e mondo commerciale: nasce animaimpresa

  1. Cristiano scrive:

    … non ho parole (troppo belle le Tue) … solo … COmplimenti ! ! !

    CiaO!
    CO.

  2. anna scrive:

    Complimenti Edoardo per le belle e significative parole che hai scelto per raccontare l’ultimo incontro di animaimpresa. E complimenti a Renzo per aver colto e interpretato l’essenza di animaimpresa.
    Due nuove testimonianze che la Civiltà dell’Empatia, di cui parla Jeremy Rifkin nel suo recentissimo libro, sta già nascendo!!

    Anna

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: